Il cioccolato è solo buono o fa anche bene?

Il cioccolato è tra gli alimenti più amati dagli italiani, eppure porta con sé tanti interrogativi. In questo articolo, racconteremo le differenze tra i diversi tipi di cioccolato e i suoi benefici, sfatando anche qualche falso mito.

Niente come la stagione fredda ci fa venire voglia di un buon pezzo di cioccolato.

Del resto, girando tra gli scaffali del supermercato, la scelta è davvero vastissima: tavolette di ogni genere e dimensione, cioccolatini, dolci farciti e via dicendo.
E la domanda, davanti a questo alimento delizioso è sempre la stessa:

quanto ne posso mangiare perché non mi faccia male?
Partiamo da un presupposto: non tutti i cioccolati sono uguali!

La principale variabile è la quantità di zucchero presente al loro interno, considerando che la pasta di cacao stessa contiene zuccheri (15% 20% c.a.). Quindi è inevitabile che, a prescindere dagli ingredienti, il cioccolato contenga zucchero!

Nello specifico:
- Nel cioccolato fondente il cacao dovrebbe sempre costituire il 70% del prodotto. La quantità di zuccheri aggiunti diminuisce al crescere della percentuale di inclusione dei due componenti del cacao: il burro e la pasta. Scegliendo quindi un cioccolato fondente all’80, 90 o 99% la quantità di zucchero totale diminuisce. Non a caso viene chiamato anche “cioccolato amaro”, anche se poi amaro non è, anzi, è gustosissimo!

- Il discorso cambia con il cioccolato al latte, per cui la quota di zuccheri aggiunti solitamente si alza a discapito della pasta di cacao, ingrediente che scompare totalmente quando scegliamo del cioccolato bianco!


Come tutti ben sappiamo, ognuno ha i suoi gusti, anche per quanto riguarda il cioccolato. Ma una domanda è comune: questo alimento fa bene o male? Non esiste una risposta netta e molto dipende dalla tipologia di cioccolato, come abbiamo detto.
Sicuramente il cacao contiene molecole ad azione anti-ossidante e anti-infiammatoria. D’altro canto, però, la quantità elevata di zucchero e l’alto contenuto energetico suggeriscono moderazione, non solo per chi desidera perdere peso, ma per tutti!
Insomma, il cioccolato va visto per quello che è: un alimento gustosissimo che sicuramente possiamo mangiare, ricordandoci però dei suoi limiti nutrizionali.